LA DISFIDA DEI CIUSI E DEI GOBJ

IL PALIO DI SAN VIGILIO

La disfida dei Ciusi e dei Gobj propone la rappresentazione di un'antica contesa tra Trento e Feltre, creando un gioco tra due squadre, che si contendono “la polenta”, simbolo di benessere e abbondanza.

DIVERTIRSI DIVERTENDO

Non crediate sia solo un gioco! La disfida è uno spettacolo per chi la guarda e una rievocazione per chi la vive, per chi veste i panni dei Ciusi e dei Gobj e lotta per difendere o conquistare, a seconda della fazione, la polenta. Un appuntamento che è entrato nel cuore dei trentini e che speriamo resti nei ricordi dei turisti che hanno avuto l’occasione di assistere allo spettacolo.

edizioni-palio san viglio icona
35 edizioni
vittorie ciusi icona
16 vittorie Ciusi
vittorie gobj icona
19 vittorie Gobj
Scendi in piazza con noi

RIVIVI L’EMOZIONE

UN PO’ DI STORIA

RIEVOCAZIONE DEL VI SECOLO

La storia racconta che nel VI secolo Ciusi e Gobj si scontrarono dando vita a un evento rimasto nelle memorie tanto dei trentini quanto dei feltrini. Al punto che, in modi e forme diverse, quella contesa fu rappresentata regolarmente fino alla metà del XIX secolo. Poi la tradizione andò persa. A partire dal 1984 il Comune di Trento la ripropose. Dal 1989, anno in cui fu costituita la Confraternita dei Ciusi e dei Gobj, la disfida è tornata ad essere un appuntamento annuale atteso non solo dai cittadini di Trento ma anche da tantissimi visitatori incantati dallo spettacolo che va in scena

UNA SFIDA TRA TRENTINI E FELTRINI

Da cosa nascono le guerre? Dalle lotte al potere o dalla fame, di solito. In questo caso fu la carestia a dare vita a una battaglia rimasta negli annali. Trento, VI secolo d.C. Re Teodorico invita gli abitanti della vicina Feltre in città per chiedere loro di costruire le mura di protezione. Questi però, stremati dalla carestia e allettati dai riforniti granai di Trento, tentarono di saccheggiare i granai. Scoperti, andò in scena un epico combattimento, al termine del quale i feltrini furono sconfitti e cacciati oltre confine. Per non dimenticare la lezione si decise di dare vita ogni anno a una rappresentazione che facesse rivivere il rischio subito da Trento. La rievocazione della disfida fu inizialmente a solo appannaggio dei nobili: venivano composti due schieramenti con 150, a volte anche 200 partecipanti ognuno. Oggi sono circa 100 i confratelli che animano l’antica mascherada.

I PROTAGONISTI

La Mascherada dei Ciusi e dei Gobj si sviluppa nella lotta tra la fazione dei Gobj, aiutati dalle loro donne, le Strozzere, e la fazione dei Ciusi.

CIUSI
Rappresentano i feltrini, in costume giallo/rosso e maschere rosse. Dettaglio distintivo sono anche i pompom neri. Sono guidati dal re dei Ciusi con corona e mantello e da tre capitani con elmo e spada.
GOBJ
Rappresentano i trentini a difesa della città, in costume grigio/nero e maschere nere. Sono guidati dal re dei Gobj con corona e mantello e da tre capitani con elmo e spada.
STROZZERE
Sono le donne dei Gobj, in costume femminile bianco e marrone con cuffietta bianca. Accessorio immancabile è la scopa con cui difendono i Gobj durante l’attacco finale.
ARBITRI
Rivestono il ruolo di controllo, indossano un lungo abito nero con interni rossi e colletto rosso e cappellino nero, al collo hanno un corno per segnalare le varie situazioni durante la disfida.
GIANNIZZERI
Sono le guardie della disfida, portano un costume formato da una camicia bianca ed un pantalone nero e arancione. Indossano un’armatura in cuoio, elmo e spada.
GRAN CERIMONIERE
Il garante ed il coordinatore della Disfida, interpretato dal presidente della ProLoco. Ha la facoltà di scegliere se partecipare attivamente alla disfida o ricoprire il ruolo di cerimoniere.
FIGURANTI
Il giullare, le donne dei Gobj e dei Ciusi, le donne adulte e le ciusette accompagnano la sfilata e partecipano allo spettacolo. Il boia, vestito di nero, maneggia una mannaia insanguinata.
LE INFO DEL GIOCO

IN COSA CONSISTE LA SFIDA

INIZIA LA SFIDA

Al centro della contesa e premio della stessa la polenta, che rappresenta la riserva di cibo della città che deve essere difesa dagli attacchi dei feltrini. Sia i Ciusi sia i Gobj sono coordinati da un re e da tre capitani che dirigono le azioni degli schieramenti.

LA SFIDA

Sotto l’occhio vigile e attento degli “Arbitri”, che devono mantenere la calma e far rispettare le regole del gioco anche infliggendo punizioni e penalizzazioni, le due schiere si contendono la polenta preparata dalle strozzere, disponendosi nel seguente modo: i Gobj formano un cerchio a difesa del paiolo abbrancandosi vicendevolmente alle corde di cuoio saldamente cinte attorno alla loro vita, volgendo le terga al paiolo stesso; al centro del cerchio prendono posto le strozzere, armate di grandi ramazze che servono per difendere la loro polenta dagli assalti. I Ciusi devono disporsi in fila indiana a gruppetti di cinque, per cercare, nel rispetto delle regole del gioco, di rompere la catena degli avversari al fine di rompere il cerchio per conquistare la polenta.

PARTNER

Slider naviga a sinistra
Slider naviga a destra

SEGUICI

Contattaci

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono: 0461 329143

Dove siamo: Via Bronzetti, 21 38122 Trento


© Proloco Centro storico Trento
Made by OGP.